Archivio | province siciliane RSS feed for this section

Il Senatore Antonio d’Alì vota a favore della riforma delle Province

31 Mar

Senatore Antonio D'Alì NCDLa fase di rilancio della formazione politica NCD passa anche per le riforme approvate in Parlamento; tra i provvedimenti esaminati segnaliamo la riforma delle Province, su cui il Senatore Antonio d’Alì si è espresso favorevolmente, prevedendo una revisione complessiva del sistema.
Il Senato ha approvato con 160 voti a favore, 133 contrari e nessun astenuto la fiducia e il maxiemendamento del governo che sostituisce il ddl Delrio sul taglio delle province, che ora tornerà alla Camera per la terza lettura. C’è una forte idea di cambiamento – sostiene d’Alì – e il ddl Delrio è solo il primo passo. Il cammino delle riforme non va fermato e in questo Pd e NCD sono concordi: si deve arrivare all’abolizione delle Province ottimizzando le risorse a disposizione e concentrando le energie sui settori che oggi non funzionano come dovrebbero.
Mentre le opposizioni bocciano il provvedimento per ragioni diverse, Il Senatore d’Alì è convinto che si riuscirà a dare una nuova forma allo Stato, anche per quanto riguarda il ruolo del Senato.

Continua a leggere

Annunci

Il Senatore d’Alì si oppone alla soppressione delle province

27 Feb

Senatore Antonio d'Alì in difesa province sicilianeIn Sicilia è polemica per la mancata nomina dei commissari delle province, che non hanno quindi alcun vertice istituzionale, un problema segnalato dal Senatore Antonio d’Alì che ha attaccato il presidente Rosario Crocetta, colpevole di non aver prorogato la nomina dei commissari né averne indicato di nuovi.

L’ex assessore provinciale Cettina Spataro ha aggiunto che l’impasse in cui sono cadute le Province Regionali siciliane è indice dell’incapacità politica della maggioranza al governo della Sicilia, poiché per dare un segno di rinnovamento si sarebbe potuta operare una drastica riduzione o un taglio degli emolumenti evitando di ricorrere a questa forma di populismo che crea incertezza nei dipendenti provinciali.

Continua a leggere